Privacy Policy

17 Novembre 2019: VALLE DELL’ORFENTO: A PRANZO DAL CAVALIERE

Partenze: Teramo (parcheggio Cartecchio) ore 6.30 San Benedetto (Via De Gasperi) ore 7.15 Mosciano S.A. (area servizio bar 101) ore 7.45 Pescara Ovest (IKEA) ore 8.15 Traversata da Decontra a Caramanico – Parco Nazionale della Maiella Il massiccio della Majella – secondo per altitudine dell’intero Appennino (Monte Amaro – 2785m) – nella parte sommitale è esente da asperità morfologiche e supera i 2600m con diversi “gobboni” tondeggianti. Sui suoi fianchi, però, la nostra “Montagna Madre” è squarciata da valloni profondi e selvaggi, tanto impervi da rendere difficile qualsiasi contaminazione antropica. Questa condizione di isolamento li ha fatti giungere fino ai nostri giorni con caratteristiche naturali quasi primordiali, sia dal punto di vista floristico, sia da quello faunistico. Non a caso, pertanto, in questi profondi canyon si sono insediati, anche in luoghi “impossibili”, molti eremiti che aspiravano alla solitudine totale pur di allontanarsi dalle tentazioni e dalle umani “debolezze”. Tra i tanti valloni che solcano la Majella, quello dell’Orfento è unanimemente considerato il più bello e prezioso: continue forre scavate dal fiume incastonate in una cornice verde fatta di boschi ricchi di flora e fauna rare. Descrizione del percorso: Percorso unico Decontra (810m) – Innesto sentiero nella valle dell’Orfento (635m) – Ponte di Caramanico (536m) Difficoltà: facile; Dislivelli: trascurabile in salita e 300 m in discesa; Sviluppo: 6 km; Tempo di percorrenza: 3 ore. Quota: 40,00...

Clicca per saperne di più

29 Settembre 2019: FONTE RIONNE: AI PIEDI DEL NEVAIO NASCOSTO

Partenze: San Benedetto (Via De Gasperi) ore 6.30 Mosciano S.A. (area servizio bar 101) ore 7.00 Teramo (parcheggio Cartecchio) ore 7.20 Escursione a Campo Imperatore sul versante sud del Monte Prena La dorsale Monte Prena-Monte Camicia del Gran Sasso, sui due rispettivi versanti, presenta aspetti morfologici opposti: l Camicia, aspro e roccioso a nord, verso Castelli, è “erboso e rotondo”, verso Fonte Vetica, a sud. Il Prena, invece, è panciuto a nord mentre è severamente “verticale” sul versante di Campo Imperatore. Questa curiosa inversione morfologica fa sì che siano presenti nevai ai piedi delle pareti più ripide di ambedue i monti: più “normale” quello sotto la parete nord del M. Camicia dove nell’imbuto del fondo della Salsa si accumulano decine di metri di neve; meno consueto quello “nascosto” nella profonda incisione del Fosso Rionne sotto le guglie del versante sud del M. Infornace, anticima del M. Prena. Il canalone del nevaio si “riempie” perché spesso si trova sottovento rispetto alle violente tormente di neve che si abbattono sulla dorsale Infornace –Prena ed anche perché numerose valanghe vi precipitano dentro dalle creste ommitali. Nella tarda primavera, il nevaio di Fonte Rionne conserva accumuli nevosi spessi anche più di dieci metri; poi, lentamente, con l’estate e con l’esposizione sfavorevole, si fessura, si sfalda, si scioglie e, talvolta, scompare del tutto. Descrizione del percorso: Percorso unico Bivio Lago Racollo (SS17bis -1560m) – Imbocco Fosso Rionne (1720m) – Captazione Fonte Rionne (1870m) – Imbocco fosso Rionne (1720m) – Selletta q 1872m) – Rifugio La Canala (1810m) – F.so la Voragna – SS 17 bis 1570m Difficoltà: facile; Dislivelli: 460 m in salita e 450 m in discesa; Sviluppo: 11 km; Tempo di percorrenza: 5 ore. Quota: 18,00...

Clicca per saperne di più

13 Ottobre 2019: LA SORGENTE NASCOSTA NEL “VENTRE” DELLA PRIORA

Partenze: Teramo (parcheggio Cartecchio) ore 6.00 Mosciano S.A. (area servizio bar 101) ore 6.30 San Benedetto (Via De Gasperi) ore 6.50 Due escursioni nella Valle dell’Ambro – Parco Nazionale dei Monti Sibillini Sui Monti Sibillini, nei profondi valloni che si aprono verso l’Adriatico, scorrono torrenti dalle acque cristalline e tumultuose. Tra questi, il Tenna e l’Ambro confluiscono nei pressi dell’abitato di Montefortino dopo aver percorso pochi chilometri dalle sorgenti. Le valli di questi torrenti, che erodono da milioni di anni i tenaci calcari di base della Priora, si aprono, alle quote più elevate, in ampie praterie sommitali che occupano gli antichi anfiteatri di origine glaciale utilizzate per secoli come pascoli per le greggi. La valle del torrente Ambro, delimitata a nord dalla dorsale M. Castel Manardo (1917m)-Pizzo Tre Vescovi (2092m), a sud, confina con quella del Tenna, con l’imponente dorsale M. Priora (Pizzo della Regina 2332) – Pizzo Berro (2260m). Il torrente è alimentato da falde sotterranee che convergono in una grotticella posta a 1245m di quota ubicata alla base di questa cerchia montuosa e scorre subito in un selvaggio e strettissimo canyon, l’Infernaccetto, che sfocia, a 683m di quota, nel luogo dove sorge il Santuario della Madonna dell’Ambro meta finale dell’escursione. Percorsi: Primo percorso Pintura di Bolognola (1340m) – Strada per il Fargno – Forcella Bassete (1701m) – Casale Ara del Re (1583m) – Casale Grascette (1708m) – Valico Monte Amandola (1702m) – Monte Berro (1608m) – Pintura di Bolognola (1340m) Difficoltà: facile; Dislivelli: 480 m in salita e 480 m in discesa; Sviluppo: 12 km; Tempo di percorrenza: 4 ore. Secondo percorso Pintura di Bolognola (1340m) – Strada per il Fargno – Forcella Bassete (1701m) – Strada per Casale Rinaldi – Sorgenti dell’Ambro (1245m) – Belvedere dell’Ara della Regina (1408m) – Prati Porfidia – Fonte Acqua Arva (1186m) – Santuario Madonna dell’Ambro (676m) Difficoltà: Impegnativa; Dislivelli: 550 m in salita e 1200 m in discesa; Sviluppo: 17 km; Tempo di percorrenza: 7/8 ore. Quota: 18,00...

Clicca per saperne di più

15 Settembre 2019: NEL VALLONE DEI DUE CORVI. PER LA SERIE:“RIPROVIAMOCI”

Partenze: San Benedetto (Via De Gasperi) ore 6.30 Mosciano S.A. (area servizio bar 101) ore 7.00 Teramo (parcheggio Cartecchio) ore 7.20 Traversata da Prato Selva al Lago di Provvidenza – Parco Naz.le del Gran Sasso e dei Monti della Laga Quando si arriva nel teramano, da nord, appare in tutta la sua imponenza lo “skyline” del Gran Sasso con tutte le vette maggiori schierate in bella evidenza. In questo bel “quadro di famiglia”, la prima vetta, da destra (ovest), è quella del Monte Corvo (2623m), quarta per altezza dell’intera catena e una delle top ten dell’intero Appennino. È una montagna imponente con due vette, l’orientale (2623m) e l’occidentale (2533m), sotto le quali si aprono sul versante nord profondi valloni glaciali dai quali prendono origine i due principali rami del Torrente Rocchetta. L’itinerario prevede l’attraversamento del selvaggio vallone Crivellaro – profondamente inciso tra le due vette del Corvo – proseguendo, poi, sul panoramico Colle delle Monache, sulle praterie d’altura del “Campiglione” e nell’area boscosa della Valle del Chiarino. Descrizione del percorso: Percorso unico Prato Selva (1380m) – Sella di Colle Abetone (1711m) – Piana S. Pietro (1800m) – Vallone Crivellaro (1756m) – Colle delle Monache (1942m) – Prati del Campiglione – Corridoio (1634m) – Mulino Cappelli (1262m) – Diga di Provvidenza (1080m) Difficoltà: media/impegnativa; Dislivelli: 620 m in salita e 950 m in discesa; Sviluppo: 11 km; Tempo di percorrenza: 6 ore. Quota: 18,00...

Clicca per saperne di più

28 Aprile 2019: LA CIMA “INNOMINATA”

Partenze: SB ore 7,00 Mosciano (vedi sopra) ore 7,30 TE ore 7,50 Traversata da Campotosto a Tottea – Parco Naz.le del Gran Sasso e dei Monti della Laga La lunga catena dei Monti della Laga, si eleva per una trentina di chilometri, in buona parte, ben oltre i duemila metri, avendo come limiti geografici il fiume Tronto, a nord, che lo separa dai Sibillini, ed il fiume Vomano, a sud, che lo separa dal gruppo del Gran Sasso. Nel settore meridionale, una ripida cresta scende dal Monte di Mezzo (2136m) fino alla valle del Rio Fucino, a quota 1300m, sbarrata da una delle dighe del Lago di Campotosto. Qui, in genere, le diverse guide divulgative di questi monti interrompono la loro descrizione “dimenticando” un ultimo pendio che, dalla diga del Fucino, rapidamente riguadagna quota fino ai 1725m di Monte Piano. Questa, pertanto, a tutti gli effetti, è la vetta più meridionale dei Monti della Laga; essa, praticamente isolata dal resto del gruppo, pur offrendo panorami inediti sul Lago di Campotosto ed in tutte le altre direzioni, forse perché considerata “bassa”, rimane immeritatamente esclusa dai circuiti escursionistici. Descrizione del percorso: SP del Lago di Campotosto (1320m) – C.le Fucino (1562m) – Monte Piano (1725m) – Tottea (930m) Difficoltà: media; Dislivelli: 400m in salita e 800m in discesa; Sviluppo: 7/8 km; Tempo di percorrenza: 5 ore. Quota: 18,00...

Clicca per saperne di più

2 Giugno 2019: UN OVER 2000 CON VISTA SUL LAGO

Partenze: Teramo (parcheggio Cartecchio) ore 6.00 San Benedetto (Via De Gasperi) ore 6.45 Mosciano S.A. (area servizio bar 101) ore 7.15 Pescara Ovest (IKEA) ore 7.45 Ascesa sul Monte Miletto da Campitello Matese – Parco Regionale del Matese Monte Miletto, meta dell’escursione – quota 2050m – è la vetta più alta del Massiccio del Matese, una imponente catena dell’Appennino Sannita, un settore dell’Appennino Meridionale, posto al confine tra il Molise e la Campania. Dalla cima, che domina il lago del Matese, un panorama grandioso permette di vedere nelle migliori giornate la catena delle Mainarde (PNALM), i monti dell’Alto Molise, i Monti dell’Irpinia e le vallate contrapposte del Biferno e del Volturno, fino ai due mari. Il Matese è un massiccio calcareo sul quale si “scaricano” ben 2000mm di pioggia/anno che costituiscono il più rilevante patrimonio idrico dell’Italia peninsulare. Tanta pioggia e/o neve, fanno del gruppo una gigantesca “spugna” intrisa d’acqua che agisce sui calcari di cui è costituito, in superficie ed in profondità, dando luogo ad imponenti e diffusi fenomeni carsici. Descrizione del percorso: Percorso unico SP 106-bivio q.1522m – Vallone di Capo d’Acqua (1600m) – Colle del Caprio (1846m) – Monte Miletto (2050m) – stazzo cresta nord (1700m) – pianoro di Campitello Matese (1420m) Difficoltà: media/facile; Dislivello in salita: 550 m Dislivello in discesa: 630 m Sviluppo: 7 km Tempo di percorrenza: 4,5 ore Quota: 18,00...

Clicca per saperne di più

2 Giugno 2019: ULTIME NEVI DI PRIMAVERA SUI PASCOLI DEL PARCO

Partenze: Teramo (parcheggio Cartecchio) ore 6.00 San Benedetto (Via De Gasperi) ore 6.45 Mosciano S.A. (area servizio bar 101) ore 7.15 Pescara Ovest (IKEA) ore 7.45 Traversata da Passo Godi a Scanno – Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio, Molise Nel cuore dei Monti Marsicani, Passo Godi (1570m), separa i bacini idrografici del Sagittario, a nord, in direzione di Scanno, e, del Sangro, a sud, in direzione di Villetta Barrea. Siamo nel settore nord-est del Parco, nel comune di Scanno, dove le asprezze orografiche e l’isolamento, rispetto alle valli più antropizzate, hanno favorito la conservazione di un ricco patrimonio faunistico che vanta presenze continue e considerevoli di orsi, lupi, cervi e camosci. In zona, sul vasto pianoro del Ferroio di Scanno e sulle ampie conche interne di Camporotondo e del Campo (attraversati dalla nostra escursione e dominate dalla mole triangolare della Serra di Capra Morta), la presenza di antichi stazzi testimonia una fiorente attività pastorale che ha costituito, per secoli, una notevole fonte di reddito per le comunità del luogo. Descrizione del percorso: Percorso unico Bocca di Pantano (1554m) – St.zo di Ziomas (1583m) – Serra di Ziomas (1631m) – St.zo di Campo Rotondo (1700m) – Quota 1796m sul crinale ovest della Serra di Capra Morta – St.zo del Campo (1716m) – Vallone di Capra Morta – Masseria Parenti (1265m) – Strada Valle del Fiume Tasso (1225m) Difficoltà: media; Dislivelli: 350m in salita e 700m in discesa; Sviluppo: 11 km; Tempo di percorrenza: 6/7 ore. Quota: 18,00...

Clicca per saperne di più

19 Maggio 2019: UN SASSO DI… “RITORNO

Partenze: Teramo (parcheggio Cartecchio) ore 6.00 Mosciano S.A. (area servizio bar 101) ore 6.20 San Benedetto (Via De Gasperi) ore 6.50 Parco Regionale di Sasso Simone e Simoncello Qualche volta va proprio male. E male andò, nell’Aprile del 2016, il primo tentativo di ascensione su quella montagna strana come senz’altro è il Sasso di Simone. Strana perché, pur elevandosi fino a 1209m, è una montagna piatta, senza cima, che emerge, a poca distanza della sua gemella “Simoncello”, come un possente bastione calcareo “squadrato” ed inaccessibile, dalle tondeggianti colline argillose del Montefeltro nel territorio al confine tra Marche, Toscana e Romagna. Quella volta andò male perché, durante la mattinata si alternarono velocemente condizioni meteo variabili tra piogge miste a neve e brevi schiarite; poi, appena decidemmo di incamminarci verso la meta, si scatenò una bufera di neve che ebbe l’immediato effetto di farci risalire di tutta fretta sul pullman costringendoci ad un anticipato rientro. Ovviamente, dopo un’oretta, quando già eravamo ben lontani dai due Sassi, il tempo ci beffò nuovamente tornando sereno come mai era stato durante la mattinata. Descrizione del percorso: Percorso unico Passo Cantoniera (1008m) – Ranco del Cerro – Valpiano (991m) – Cancellino (1150m) – Faggio solitario (1133m) – Sasso Simone- Città de Sole (1206m) – Sentiero 119 – Cima di Raggio (952m) – Sentiero 119a – Circonvallazione di Carpegna (780m) Difficoltà: media/facile; Dislivello in salita: 300 m Dislivello in discesa: 500 m Sviluppo: 13 km Tempo di percorrenza: 5/6 ore Quota: 18,00...

Clicca per saperne di più

14 aprile 2019: A PIEDI SULLA FERROVIA CHE NON C’È PIÙ

Partenze: Teramo (parcheggio Cartecchio) ore 6.30 Mosciano S.A. (area servizio bar 101) ore 6.45 San Benedetto (Via De Gasperi) ore 7.15 Ferrovia Spoleto-Norcia Un tracciato ferroviario di 51 Km, tra Spoleto e Norcia, ha costituito dagli anni ‘30 fino agli anni ‘60 il più veloce collegamento possibile tra i due centri del cuore verde dell’Umbria. Un territorio montuoso, inciso da valli strette e profonde, con dislivelli impegnativi da superare, ha costretto i progettisti a disegnare un tracciato a dir poco ardito che avrebbe dovuto superare ostacoli naturali apparentemente insormontabili con opere e manufatti abituali sulle Alpi ma assolutamente inusuali sul nostro Appennino; il tutto ha fatto sì che la Spoleto-Norcia diventasse una delle massime espressioni italiane di ingegneria ferroviaria. Oggi, mandati in pensione i trenini blu, smantellate le rotaie e sistemata la massicciata, le gallerie elicoidali, i ponti ed i viadotti, costituiscono una bellissima via verde ideale per escursionisti amanti del “passo lento”. Descrizione del percorso: Dalla stazione di Borgo Cerreto alla stazione si Sant’Anatolia di Narco-Scheggino Difficoltà: facile; Dislivelli minimi; Sviluppo: 13 km; Tempo di percorrenza: 4/5 ore Quota: 18,00...

Clicca per saperne di più

24 marzo 2019: STORIA E NATURA SULLA COSTA DEI TRABOCCHI

Partenze: Teramo (parcheggio Cartecchio) ore 7.00 San Benedetto (Via De Gasperi) ore 7.45 Mosciano S.A. (area servizio bar 101) ore 8.15 Pescara Ovest (IKEA) ore 8.40 Il litorale Adriatico, generalmente piatto per centinaia di chilometri, nel settore Teatino – la Costa dei Trabocchi – alterna tratti di spiagge sabbiose o ciottolose a coste alte con falesie e piccoli faraglioni che delimitano calette nascoste e spesso inaccessibili via terra. Ad Ortona, la presenza di due siti di alto pregio naturalistico e paesaggistico ha indotto l’istituzione delle Riserve dei Ripari di Giobbe e di Punta dell’Acquabella, rispettivamente a nord e a sud delle infrastrutture portuali della città. Ortona e la vicina Crecchio, inoltre, nel Settembre del 1943, furono teatro dell’imbarco dei Savoia e del Governo Badoglio in fuga verso Brindisi; pochi mesi dopo (Dicembre), la città fu rasa al suolo e contesa metro per metro nel corso di scontri violentissimi sulla Linea Gustav, tra le truppe Alleate e quelle Tedesche. Il nostro breve soggiorno cercherà di “cucire” i due aspetti naturalistico e storico percorrendo e visitando i luoghi più interessanti. Programma: Mattino: visita del centro storico di Ortona (Castello Aragonese, Museo della Battaglia); escursione da Ortona a Marina di San Vito Chietino per la Riserva Naturale Regionale di Punta dell’Acquabella ed il Cimitero Militare Canadese. Pomeriggio: visita del Castello di Crecchio. Difficoltà: Facile Dislivello in salita: 60 m Dislivello in discesa: 100 m Sviluppo: 6 km Tempo di percorrenza: 3 ore Quota: 18,00...

Clicca per saperne di più